Rotolo di tacchino

rotolo di tacchino

cropped-pentola-ok-21.jpgIl tacchino carne tenera e saporita, lo si può cucinare in tanti modi tutti gustosi! In questa ricetta vi presento un bel petto di tacchino farcito con salsiccia e accompagnato da un contorno insolito come il finocchio, che con il suo tocco aromatico dona al palato freschezza. 

Ingredienti

(per 6 persone)

Petto di tacchino 1,2 kg

Salsiccia 150 gr

Pomodori secchi 1 barattolo da 250 gr

Pan grattato 100 gr

Grana grattugiato 50 gr

Uova 1

Olio extravergine d’oliva

Mandorle 50 gr

Sale

Pepe nero

Aglio

Brodo vegetale

Filo da cucina

Preparazione

In una padella antiaderente fate rosolare l’aglio con un po’ d’olio, aggiungete la salsiccia spellata e sbriciolata. Fate rosolare la salsiccia per 10 minuti, aggiungete del sale, del pepe e sfumate con del vino rosso ancora per qualche minuto. Disponete in una ciotola la salsiccia, aggiungete il grana grattugiato, il pan grattato, le mandorle tagliate a pezzettini e l’uovo, mescolate bene tutta la farcitura.

Stendete sul piano di lavoro il petto di tacchino precedentemente aperto e sbattuto, salatelo leggermente e disponete sopra uniformemente i pomodorini secchi e la farcitura. Avvolgete la carne a rotolo e legatelo con del filo da cucina, avvolgendo anche due rametti di rosmarino e qualche foglia di alloro.

Adagiate il rotolo di tacchino in una teglia e versateci sopra un giro d’olio, del sale, del pepe e l’olio rimasto nella pentola in cui avete cucinato la salsiccia e fatelo cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti. Bagnate il rotolo di volta in volta con un pò di brodo vegetale. Appena pronto eliminate il filo da cucina e tagliate il rotolo a fette non troppo sottili. Servitelo in un piatto da portata con un buon contorno.

IMG_6644 IMG_6650 IMG_6674 IMG_6680 IMG_6691 IMG_6693IMG_6700rotolo di tacchino

Annunci

6 thoughts on “Rotolo di tacchino

  1. Non l’avete assaggiato? E’ un peccato vi siete persi un insieme di sapori delicati!!! Ottimo!!!!! Da provare a rifarlo!!!!!!!

  2. Ragazzi questo non é un piatto…é un quadro…un’opera d’arte! É quasi un peccato mangiarlo, ma é talmente buono! Sará dura riuscirlo a replicare! Credo proprio che mi servirá qualche ora extra di ripetizione dalla chef!
    Ciaooo

  3. Grazie,Luisa,per le tue ricette cosi appetitose e per la chiarezza di esposizione oltre che di presentazione!
    Voglio invitare anche le mie amiche appassionate di cucina a visitare il tuo blog. Ciao!
    Anna

I commenti sono chiusi.