Gorgonzola

sagra del gorgonzola, gorgonzola, risotto al gorgonzola

cropped-pentola-ok-21.jpgAmici questa domenica sono stata ad una gustosissima sagra, il cui protagonista è stato proprio il gorgonzola! Formaggio dal carattere piccante e caratterizzato da muffe colorate che lo rendono una vera delizia capace di conquistare nuovi palati! Tipo il mio 🙂

Il gorgonzola è un formaggio prodotto da latte di mucca la cui caratteristica è la muffa dal colore blu-verde che si produce attraverso l’erborinatura: una tecnica casearia che consiste nel bucare il formaggio con aghi di ferro che favoriscono la produzione di funghi durante il periodo della stagionatura.

E’ prodotto in Italia in Lombardia e Piemonte ed è ben conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Si tratta di un formaggio Dop; le sue zone storiche di produzione sono le province di Milano, Como, Pavia e Novara. Il gorgonzola prende il nome dall’omonima cittadina lombarda in cui la produzione ad oggi è ancora attiva e dove ogni anno a fine settembre si tiene questa gustosissima sagra.

Esistono due tipi di gorgonzola: quello dolce che si presenta cremoso a pasta molle con un leggero sapore piccante; quello piccante a pasta dura dal sapore più deciso e forte!

Quali sono i piatti? Tanti, in questa occasione io ho assaggiato il classico risotto, molto buono, dal sapore delicato con un leggero retrogusto piccante. Ma può essere mangiato anche da solo con una bella fetta di pane o accompagnato con noci, pere e mascarpone. E’ l’ingrediente principale in molti piatti della pianura padana; dal risotto alla polenta, agli gnocchi e alla pasta ai quattro formaggi. La novità? C’è anche il gelato al gorgonzola, dal sapore delicato al latte con un retrogusto leggero del formaggio stesso. Che dire di più…una vera delizia da non perdere!

gorgonzola

Annunci

I Fichi così dolci e carnosi

fichi

cropped-pentola-ok-21.jpg Questo è il periodo dei fichi, frutti così dolci e carnosi che attirano anche la curiosità di insetti e volatili! Non so se avete avuto mai l’occasione di raccoglierli dall’albero, ma vi posso assicurare che è davvero divertente e poi la possibilità di gustarli appena raccolti dà al palato un piacere indescrivibile! Basta girare il frutto su se stesso e staccarlo dal peduncolo evitando di lacerare la buccia.

La pianta del fico è un albero dal tronco ramoso e  relativamente corto infatti può raggiungere dai 6 ai 10 metri di altezza, le foglie sono grandi e di colore verde scuro. E’ una pianta xerofila si adatta ad ambienti aridi e dal clima caldo ed è perciò tipica delle zone subtropicali e temperate. Appartiene alla famiglia delle Moraceae i cui frutti sono delle infruttescenze a forma di pera ricchi di zuccheri quando sono maturi. Esiste sia il genere “carica sativa” pianta femmina che produce i frutti commestibili e sia il genere “carica caprifico” pianta maschile che produce il polline e frutti non commestibili.

Il fico è di origine del Medio Oriente, la sua coltivazione ebbe inizio già nelle prime civiltà egiziane da cui poi si diffuse in tutto il bacino mediterraneo. Infatti la sua coltivazione oggi è molto significativa in Grecia, Turchia, Spagna, Portogallo, Marocco ed Egitto. In Italia la gran parte della produzione proviene dalle regioni meridionali, dalla Puglia, Calabria, Sicilia e Campania.

L’uso in cucina. I fichi vengono consumati principalmente come frutto e in macedonia. Ottimi per la preparazione di dolci, crostate e confetture. Gustosi anche per la preparazione di piatti salati, come la pizza, focaccia e bruschette con fichi, crudo e formaggio, per accompagnare la carne, coniglio e selvaggina. Molto deliziosi sono i fichi secchi, farciti con noci, mandorle, arancia e ricoperti dal cioccolato, tipici del periodo natalizio ma non solo.

La stagionalità dei fichi va dal mese di giugno ad ottobre a secondo del genere primaticcio o fichi veri. Esistono più di centocinquanta varietà, ma commercialmente i più conosciuti sono i fichi verdi succosi con buccia sottile, fichi viola molto succosi e dolcissimi ed i fichi neri molto asciutti e zuccherini.

I fichi sono frutti molto energetici, hanno un elevato contenuto di zuccheri, di carboidrati a sali minerali come il potassio, magnesio e ferro. Sono molto apprezzati per le molteplici virtù terapeutiche, sono usati per alleviare la tosse persistente, usati come emollienti e rimineralizzanti, hanno proprietà lassative, digestive, antinfiammatorie e disinfettanti della bocca e cavo orale.