Seppioline su vellutata di piselli

Seppioline su vellutata di piselli

pentola ok 2 Questo piatto è una ricetta tipica della nostra gastronomia, esistono molte varianti tutte molto gustose ed ognuna rispetta la peculiarità della propria regione. Qui vi propongo la mia versione, semplice da preparare in cui predomina la presenza indiscussa delle seppie e dei piselli.

Ingredienti

(per 2 persone)

Seppioline 300 gr

Piselli 240 gr

Pomodori ciliegia q.b.

Patata n.1

Prezzemolo q.b.

Sedano q.b.

Olio extravergine d’oliva q.b.

Sale q.b.

Pepe nero q.b.

Mix di aromi per pesce q.b.

Vino bianco q.b.

Preparazione

Cuocete i piselli in acqua bollente per circa 15 minuti, scolateli e immergeteli subito in acqua e ghiaccio. In una padella fate soffriggere lo scalogno e il sedano sminuzzato con un giro d’olio. Aggiungete poi i piselli e lasciate insaporire per qualche minuto unendo un mestolo della loro acqua di cottura. Regolate di sale e pepe. Nel frattempo fate bollire la patata. Frullate con il mixer i piselli e la patata bollita fino ad ottenere una crema omogenea.

In una padella fate rosolare i pomodori interi con giro d’olio per 10 minuti, schiacciandoli leggermente, dopo bagnateli con due cucchiai di vino bianco e lasciatelo sfumare. Aggiungete dopo le seppioline, precedentemente pulite e gli aromi per il pesce, lasciatele cuocere per 6/7 minuti e a metà cottura regolate di sale.

A questo punto versate nel piatto la crema di piselli, adagiateci sopra le seppioline, i pomodorini e guarnite con del prezzemolo fresco sminuzzato e qualche gocciolina di sugo delle seppioline.

Seppioline .JPG

Con questa ricetta partecipo alla Giornata Nazionale delle Seppie coi piselli del Calendario del Cibo Italiano, la cui ambasciatrice è Erica Zampieri organizzato dall’AIFB, Associazione Italiana Food Blogger.

 

 

Annunci

Orata in “umido”

orata

pentola ok 2 Ieri avevo proprio voglia di mangiare per pranzo del pesce fresco, così sono andata al mercato vicino casa ed ho comprato una bella orata. Avevo dubbi su come cucinarla e ho pensato che il miglior modo, per non rischiare di seccare la carne del pesce, fosse di cucinarla “in umido”. Il risultato? Direi ottimo! Ingredienti Orata fresca 1 Pomodorini a ciliegia Prezzemolo Pepe nero a grani Aglio Sale Preparazione Quando comprate l’orata fatevela direttamente sviscerare. Lavatela bene e infilate nel suo ventre un ciuffetto di prezzemolo e uno spicchio d’aglio tagliato in due pezzi. Sistematela in una pentola anti aderente che la contenga giustamente, salatela esternamente, aggiungete i pomodorini a ciliegia, alcuni interi altri tagliati a due pezzi, un giro d’olio, il pepe nero e bagnatela con del vino bianco. Copritela con il coperchio e fatela cucinare a fuoco medio per circa 3o minuti, lasciando sfumare dolcemente il vino bianco. Appena pronta tagliate tutte le pinne e squamate il pesce.  Poi basterà trovare il punto giusto della lisca e sollevare la parte superiore aprendola in due parti. Adagiatele sul piatto aggiungendo i pomodorini e il sugo formatosi all’interno della pentola. Servite a tavola!